Fashion

Non è ciliegia, non è corallo. È rosso Valentino. Storia di un colore iconico


The News or Article printed right here is property of the givenSource they usually have all of the possession rights Source hyperlink https://www.vogue.it/moda/article/rosso-valentino-storia-colore-iconico-moda

Il rosso Valentino è un colore entrato nella storia della moda, una sfumatura unica e regale, simbolo della maison

“Il colore! Che linguaggio profondo e misterioso, il linguaggio dei sogni” – Paul Gauguin 

Il rosso ciliegia è una polpa dalle vene violacee, un accenno biancastro di luce solare e di profumi di giugno. Il corallo è un mare screziato di giallo, poroso nel suo assorbire bolle di vita sott’acqua. Carminio sontuoso dal sentore bruciato, di mattone cotto e poi raffreddato, che trucca le labbra di Cleopatra. Scarlatto è una lettera di ignominia vivace e accesa nel buio, in contrasto con la porpora eloquente che impone reverenza in un gesto del capo e un leggero inchino. 

Collezione autunno inverno 1986.

© Getty Images

Vino, sangue e fragole fresche, il cuore della rosa e del rubino nobile, la guancia innamorata. Il rosso è narratore delle ambizioni dell’umanità, ne colora i piaceri uniformandoli sotto una sfumatura narratrice di passione, di foga e d’amore. A Roma, il rosso è la triumphalis, toga di Cesare conquistatore. A Roma, rosso è il colore degli imperatori. Oggi, l’ultimo imperatore lo elegge a simbolo del suo regno di sontuosità e bellezza, ne tappezza by way of Condotti e le strade del mondo intero: è monsieur Garavani, è il rosso Valentino

Collezione autunno inverno 1999-2000.

© Getty Images

Valentino

Come nasce il rosso Valentino

È un’anziana signora fra la folla dell’Opera di Barcellona, in velluto magenta e senilità solenne, a conturbare la fantasia di un Valentino Garavani ancora studente. Lo sguardo del couturier è affascinato dall’intensità di una sfumatura sobillatrice che accende i sensi e li risveglia dal torpore del bianco, del blu e del nero. È un colore che non si può ignorare

Collezione autunno inverno 1995-1996.

© Getty Images

Valentino

Collezione autunno inverno 1992-1993.

© Getty Images

Valentino

Collezione autunno inverno 1996-1997.

© Getty Images

Valentino

“Fra tutti i colori indossati dalle altre donne, mi è sembrata unica, isolata nel suo splendore. Non l’ho mai dimenticata. Penso che una donna vestita di rosso sia sempre meravigliosa, è la perfetta immagine dell’eroina” – afferma Valentino.

Collezione autunno inverno 1996-1997.

© Getty Images

Valentino

Collezione primavera property 1995.

© Getty Images

Valentino

Collezione primavera property 1994.

© Getty Images

Valentino

Quando nel 1959 apre il primo atelier, Valentino conserva l’immagine barcellonese come un ritratto appeso alla parete della sua immaginazione, decidendo senza indugi che la donna Valentino sarà vestita di rosso. Parte integrante di ogni collezione della maison, il rosso diviene ben presto l’emblema della casa di moda romana, simbolo di un classicismo estetico che parla di antiche divinità e creature mitologiche, di matrone e regine, di un passato immenso che riscopre la sua gloria in una seta plissé, in un tubino di raso, in una gonna di tulle arioso. 

Collezione autunno inverno 1996-1997.

© Getty Images

Valentino

Collezione autunno inverno 1992.

© Getty Images

Valentino

Collezione autunno inverno 1992-1993.

© Getty Images

Valentino

Fuori dalla passerella, il rosso Valentino veste Jackie Kennedy e il suo dolore, camuffando il conflitto interiore di una donna votata alla storia sotto uno splendido tailleur o un abito da sera con fiocchi décor, mentre negli anni 70 si condensa in un’omonima boccetta di profumo che centellina il colore in notice fruttate di testa e in un nocciolo odoroso di oli floreali. 

Jackie Kennedy Onassis presso il ristorante newyorchese La Côte Basque nel novembre 1970. 

© Getty Images

Jackie Kennedy

Jackie Kennedy Onassis al Metropolitan Museum of Art di New York.

© Getty Images

Jackie Kennedy

La sfumatura rosso Valentino

Non è ciliegia, non è corallo, non è carminio. Si accosta alla polverosità del cadmio ma risulta più intenso e morbido, incontrando la brillantezza del rosso cardinale. Con un sottotono caldo e avvolgente, il rosso Valentino è una sfumatura pura, non minata da interferenze di giallo o blu, ma risultato di una perfetta estrazione del pigmento primario.

Collezione autunno inverno 1996-1997-

© Getty Images

Valentino

Collezione primavera property 1993.

© Getty Images

Valentino

Una tonalità che non si lascia condizionare dall’incarnato femminile e dai suoi riflessi, armonizzandosi alla perfezione alla pelle lattea, a quella ambrata, all’ebano intenso, alle vene verdi e a quelle violacee. È un documentario di Matt Tyrnauer del 2008, Valentino: The Last Emperor, a definire l’essenza del suo rosso: è lo strumento che permette a ogni donna di sentirsi una dea. 

Collezione primavera property 1998.

© Getty Images

Valentino

Collezione primavera property 1993.

© Getty Images

Valentino

Il rosso Valentino oggi

Portavoce dell’heritage stilistico del grande couturier, il rosso Valentino è parte integrante delle collezioni create da Pierpaolo Piccioli. Si fa etereo e impalpabile nei tessuti dell’alta moda, ricordando il patrimonio iconografico dell’antica arte latina. Nel prêt-à-porter si fa dinamico, si adatta a tagli morbidi ma dallo spirito sportivo, advert accessori aggressivi e rock, borchiati e metallici, corazza della donna contemporanea. Senza discostarsi dalla sfumatura originale, il rosso Valentino inonda la passerella con la sua fluidità travolgente, rimanendo uno dei colori più eleganti e sofisticati di tutti i tempi.

Collezione primavera property 2013.

© Gorunway

Valentino

Collezione autunno inverno 2015.

© Gorunway

Valentino

Collezione primavera property 2018.

© Gorunway

Valentino

In sfacciati gesti romantici, i fidanzati danno i propri nomi alle stelle, le città onorano i propri personaggi illustri con una toponomastica dedicata. Il gesto di Valentino è più concreto, meno disilluso e lontano dall’intangibilità della memoria, del cadeaux smielato. La devozione di Valentino si può indossare come uno spirito che rinnova e rende più forti, che infonde la consapevolezza di essere potenti, temibili e bellissime. Il rosso Valentino è l’inno d’amore che il couturier ha dedicato a ognuna di noi

Haute Couture autunno inverno 2019.

© Gorunway

Valentino

Haute Couture primavera property 2019.

© Gorunway

Valentino

Haute Couture Autunno Inverno 2019.

© Gorunway

Valentino

Collezione autunno inverno 2020 2021.

© Gorunway

Valentino

Collezione primavera property 2021.

© Gorunway

Valentino
loading...

Source hyperlink